Frottole dialettali per coro

Massimo Berzolla

Frottole dialettali per coro

  • Data di composizione 1987
  • Durata: 11'30"
  • Prima esecuzione: Cappella Musicale "Maestro Giovanni", Massimo Berzolla direttore

  1. L’Angil dal Dom per coro a 4 voci miste (4′ 30″)
  2. L’Ave Maria per coro a 3 voci pari (3′)
  3. I turtei per coro a 4 voci miste (4′)

su testi dialettali piacentini di Valente Faustini (1858-1922)

Pubblicate su: La cartellina – Rivista trimestrale di musica e canto corale, Edizioni Musicali Europee

Ascolta i brani

  • 1

    L'Angil dal Dom

    per coro a 4 vm

    Lyrics

    Angil dal Dom, o noss bell’ Angil d’or
    c’at dasteind ill grand’ äl in sla Sittä
    e dadlé in sima at guärd cmé un bon pastur
    i noss mont, ill noss vall, i nostar prä.

    Angil bon, c’at cunuss i noss dulur
    e in d’un linguagg’ c’at sé te sul parlä,
    tütt i giuran t’ia cöint a noss Signur,
    al Signur di puvrein, di’ abbandunä:

    con che magon d’passion l’anma s’instöina
    a cuntimplät sert nott, Angil pietus,
    par cuntät i dulur dla dasfurtöina,

    quand d’amur in d’un scambi mistarius
    fiocca zù leint dal ciel al ciär dla löina
    e as leva in äria l’anma ad tütt ill cos!

    Valente Faustini (1858-1922)

    (Traduzione:)
    Angelo del Duomo, o nostro bell’angelo d’oro
    che distendi le grandi ali sulla città
    e da lassù guardi, come un buon pastore,
    i nostri monti, le nostre valli, i nostri prati.

    Angelo buono, che conosci i nostri dolori
    e, in un linguaggio che tu solo sai parlare,
    tutti i giorni ne parli a nostro Signore,
    il Signore dei poveretti, degli abbandonati:

    con un nodo in gola l’anima si incanta
    contemplarti certe notti, o Angelo pietoso,
    per raccontarti i dolori della sventura,

    quando, in uno scambio misterioso d’amore,
    scende giù lento dal cielo il chiaro di luna
    e si leva in aria l’anima di tutte le cose!

    L'Angil dal Dom
  • 2

    L'Ave Maria

    per coro a 3 vp

    Lyrics

    Al sul a l'é andä sutt e la campagna
    la g'ha un po' d'nebbia; füman i camein;
    da luntan passa l'acqua in sal mülein;
    la nott la vegna zù da la muntagna.

    E al cör al va, e l'anma al la cumpagna;
    i vann adré a ill memori, adré al so bein...
    ma po i turnan astracc pianein, pianein
    adré al sinter ad cà da l'erba bagna.

    L'é l'ura di povr'om l'Ave Maria,
    un'ura piina ad päz e d'un amur
    c'al va pö in là dla cà e dla ses ad l'ort.

    Stu son d'campana piin d'malincunia...
    In snocc', ragass: l'é l'Angil dal Signur
    c'al passa a sgnä la cruz in sill noss port!

    Valente Faustini (1858-1922)

    (Traduzione:)
    Il sole è calato e la campagna
    ha un po' di nebbia; fumano i camini;
    da lontano passa l'acqua sul mulino;
    la notte scende dalla montagna.

    E il cuore va, e l'anima lo accompagna;
    seguono le memorie, il loro bene...
    ma poi tornano stanchi pianino, pianino
    per il sentiero di casa dall'erba bagnata.

    È l'ora della povera gente l'Ave Maria,
    un'ora piena di pace e di un amore
    che va più in là della cassa e della siepe dell'orto.

    Questo suono di campana pieno di maliconia...
    In ginocchio, bambini: è l'Angelo del Signore
    che passa a segnare la croce sulle nostre porte!

    L'Ave Maria
  • 3

    I turtei

    per coro a 4 vm

    Lyrics

    I TURTEI
    Quand me s’era piccinein, tra una platta e tra un basein
    me am sintiva predicä: “Sippia pür di fürtünä,
    ma na spera mäi c’at tucca di turtei a mzüra ad bucca!”. [...]
    E sicür cma fa i ragass, da dvintä po un gran siurass,
    me ma vdiva in dla tundeina di turtei con tant da scheina,
    là sgüttä in dla bagna sua c’una spanna e mezz ad cua;
    e me deintr in bucca e... futt! cmé un ratton zù pr’un cundutt.
    Me an fag miga mäi quistion s’ienn vistì dla so stagion:
    ei mulzein vistì d’estä? slacc in bucca e lassia andä!
    Ennia stagn vistì da inveran? prest in bucca seinza seran!...
    ponta e sbüsa innanz col müs cl’ha da fä a passä pr’al büs
    da tant gross e tond ca l’è, al sbarbatta i pe dadré...
    trà al cuvein... bigna... gii, gii... un scrullon e l’è sparì. [...]
    Ma quand vëd chi turtlinein poca scheina e gnint cuvein
    scärs ad puccia e ad fassia seria dal culur ad la miseria
    andä zù in dla panza a un om cmé un piccin cl’è pers in Dom...
    ah! io vi dico che quel tale sacco bigio! ci va male!
    mäl l’ag va, tel dico io, e mla cäva gnanca Dio!
    Le cla vaga ma la pöl; pra stä san g’vö cull c’ag völ!
    Tütt al de stracc cmé un sümäri, ma po a tävla miliunäri! [...]

    Valente Faustini (1858-1922)

    I TORTELLI
    Quando io ero piccolino, tra uno scapaccione e un bacino
    mi sentivo predicare: “Se anche sarai tra i fortunati,
    non sperare mai che a te tocchino, dei tortelli a misura di bocca!”.
    E sicuro come fanno i ragazzi, di diventare poi un gran signorotto,
    io mi vedevo nella fondina dei tortelli con tanto di schiena,
    là sguazzanti nel loro sugo con una spanna e mezza di coda;
    e io dentro in bocca e... via! come un topaccio giù per una fogna.
    Io non faccio mai problemi se sono vestiti secondo la stagione:
    sono morbidi, vestiti da estate? slacc in bocca e lasciali andar giù!
    Sono sodi, vestiti da inverno? presto in bocca senza scegliere!...
    spinge e si fa largo avanti col muso chè fatica a passare per il buco
    tanto è grosso e tondo, dietro dibatte i piedi...
    squassa i codino... si dimena... gii, gii... uno scossone ed è sparito.
    Ma quando vedo quei piccoli tortelli con poca schiena e niente coda
    scarsi di sugo e di faccia seria del colore della miseria
    andar giù nella pancia di un uomo come un piccino che è smarrito in Duomo...
    ah! io vi dico che quel tale, sacco bigio! gli va male!
    male gli va, te lo dico io, e non me lo leva dalla testa neanche Dio!
    E che vada come può; per star sani ci vuole quel che ci vuole!
    Tutto il giorno stanchi come un somaro, ma poi a tavola milionari!

    I turtei
Scarica L’Angil dal Dom PDF Scarica L’Ave Maria PDF Scarica I turtei PDF Vedi su YouTube