La mé sigulleina per coro

Massimo Berzolla

La mé sigulleina per coro

  • Data di composizione 2008
  • Prima esecuzione: Cappella Musicale "Maestro Giovanni", Massimo Berzolla direttore - Auditorium della Fondazione, Piacenza, 1 marzo 2010

Per coro a 4 voci miste (e pf. ad lib.)

Testo dialettale di Egidio Carella (1899-1960)

Ascolta il brano (live)

  • 1

    La mé sigulleina

    Lyrics

    La mia cipollina
    Aveva diciott’anni
    quando ci ho fatto all’amore,
    era giovane come l’acqua,
    era fresca come un fiore.
    Aveva una vitina
    che stava in un anellino,
    le dicevo: cipollina,
    le dicevo: cosettina!
    Andavamo a spasso…
    Lei, leggera, elegante,
    la bocca ridente.
    La gente la vanta:
    Le dice che è bella,
    che sembra un gelsomino;
    io le dico: coditremola,
    le dico: passerotto,
    le dico: scricciolo,
    filo d’erba, lucciola…
    e lei mi sorride,
    e io perdo la bussola…
    L’ho persa, infatti,
    e non l’ho più trovata…
    L’ho persa una sera
    e un giorno l’ho sposata.
    Vent’anni che siamo sposi
    e le voglio ancora bene,
    ma è diventata una barca,
    una pietra da mulino.
    Quella vita tanto sottile
    adesso è un fagottone,
    quella bella cipollina
    ormai è un “bavarone”(cipollotto piccante).
    Ancora si va a spasso
    e il cuore le canta,
    ma subito suda
    perch’è grassa e pesante.
    La gente si scosta,
    le cede il marciapiede,
    ma lei va piano,
    si fa trascinare.
    Io le faccio da puntello
    per far che non si spanda
    e le dico: su, bellezza,
    sta su, bella grande…
    E lei mi sorride
    e io la incoraggio…
    La mia cipollina
    ormai è un cariaggio!

    La mé sigulleina
Scarica partitura PDF

Testo

La g’äva dasdott ann / quand me g’ho fatt l’amur
l’er giuvna tant cmé l’acqua, / l’er frësca tant cmé un fiur.
La g’äva una viteina / c’la stäva in d’un anlein,
ga dsiva: sigullena, / ga dsiva: cirlinein!
Andävam a spassi… / Le, alzera, eleganta,
la bucca rideinta, / la gint al la vanta:
l’ag disa cl’è bella, / c’la pär un giusmein;
me ag digh: segnacuva, / me ag digh: passarein,
ag digh: treintapes, / fil d’erba, scrunüsla…
e le l’am surrida, / e me perd la büssla…
L’ho persa, difatti, / e an l’ho pö truvä…
L’ho persa una sira / e un de l’ho spusä.

Veint’ann ca sum aspus/ E ag vöi ancura bein,
ma l’è dvintä una bärca, / na preda da mülein.
Cla vita tant süttila / adess l’è un fagutton,
cla bella sigulleina / urmäi l’è un bavaron.
Ancura as va a spassi /E al cör al ga canta,
ma sübit la süda / cl’è grassa, pesanta.
La gint la sa scosta, / l’ag dà al märciapé,
ma le la va adäsi, / l’as fa tirä dré.
Ma ag fad da puntil / Par fä cl’an sa spanda
E ag digh: sö, bellezza, / sta sö bella granda…
E le l’am surrida / E me ag fag curagg’…
La mé sigulleina / Urmäi l’è un cariagg’.

(traduzione conoscitiva)

La mia cipollina aveva diciott’anni / quando ci ho fatto all’amore,
era giovane come l’acqua, / era fresca come un fiore.
Aveva una vitina / che stava in un anellino,
le dicevo: cipollina, / le dicevo: cosettina!
Andavamo a spasso… / Lei, leggera, elegante,
la bocca ridente. / La gente la vanta:
Le dice che è bella, / che sembra un gelsomino;
io le dico: coditremola, / le dico: passerotto,
le dico: scricciolo, / filo d’erba, lucciola…
e lei mi sorride, / e io perdo la bussola…
L’ho persa, infatti, / e non l’ho più trovata…
L’ho persa una sera / e un giorno l’ho sposata.

Vent’anni che siamo sposi / e le voglio ancora bene,
ma è diventata una barca, / una pietra da mulino.
Quella vita tanto sottile / adesso è un fagottone,
quella bella cipollina / ormai è un “bavarone” (cipollotto piccante).
Ancora si va a spasso / e il cuore le canta,
ma subito suda / perch’è grassa e pesante.
La gente si scosta, / le cede il marciapiede,
ma lei va piano, / si fa trascinare.
Io le faccio da puntello / per far che non si spanda
e le dico: su, bellezza, / sta su, bella grande…
E lei mi sorride / e io la incoraggio…
La mia cipollina / ormai è un cariaggio!